Consultazioni Anagrafiche Online
Elenco Siti Tematici

Consiglio Online







Calcolo IUC 2017 
 

 

 


 Portale Lavoro e Formazione

 


  

 


 


 

 

 

URBANISTICA - CASA

Piazza Caduti 1 
Tel 049 8245300 Fax 049 8245302
E-mail: urbanistica@abanoterme.net
Orario: Lunedì, mercoledì e venerdì dalle 10 alle 13. Chiuso il martedì e giovedì

Dirigente V Settore - Servizi Tecnici
Arch. LUIGINO GENNARO - tel 049 8245315
E-mail: settoretecnico@abanoterme.net
 
Responsabile dell'Ufficio Urbanistica - Posizione Organizzativa
EDOARDO DIANIN - tel 049 8245306
E-mail: sue@abanoterme.net
 
Responsabile del S.I.T.
EDOARDO DIANIN - tel 049 8245306
E-mail: sue@abanoterme.net
 
Istruttore Tecnico Urbanistica
SUSANNA MARCATO - tel 049 8245311
E-mail: segreteriapat@abanoterme.net
 
Istruttore Tecnico Urbanistica
MARINA BARBIERO - tel 049 8245310
E-mail: ufficioprogettazione@abanoterme.net
 

Collaboratore Tecnico - Urbanistica
SIMONE PEPE - tel 049 8245309
E-mail: sit@abanoterme.net
 
L'ATTIVITA’ DELL’UFFICIO URBANISTICA SI ESPLICA NEI SEGUENTI CAMPI (l'elenco non è esaustivo):
  1. redazione dei Certificati di Destinazione Urbanistica;
  2. procedimento di consulenza e istruttoria per le pratiche relative ai piani urbanistici attuativi;pratiche di scomputi convenzionati di oneri di urbanizzazione;
  3. progettazione varianti urbanistiche per la pianificazione territoriale e alle normative ad esse collegate (N.T.A. e R.E.);
  4. progettazione piani attuativi di iniziativa pubblica;
  5. attuazione e gestione del P.R.G. attraverso accordi di programma, protocolli d’intesa e altri strumenti relativi alle attività interistituzionali;
  6. gestione attività e predisposizione dei relativi pareri connessi alle valutazioni di impatto ambientale delle opere sul territorio
  7. istruttorie e stesura atti inerenti pianificazione urbanistica (piani attuativi di iniziativa pubblica, varianti ai piani urbanistici di iniziativa pubblica, varianti al Piano Regolatore Generale);
  8. collaborazione alla progettazione dei Piani Attuativi di Iniziativa Privata, per quanto concerne l’urbanizzazione e la progettazione delle opere pubbliche in essi inserite, su richiesta del cittadino;
  9. funzione di ufficio di piano per l’affiancamento ad eventuali progettisti esterni incaricati per lo studio del P.A.T.I. e/o P.A.T. nonché di Piani Attuativi di Iniziativa Pubblica;
  10. gestione delle pratiche relative agli interventi P.E.E.P. (regolamenti, bandi, graduatorie)
  11. integrazione delle proprie procedure standard con il Sistema Informativo Territoriale, in modo da poter monitorare in tempo reale l’aggiornamento della situazione urbanistico - edilizia del territorio comunale e quindi il grado di realizzazione delle previsioni di P.R.G.;
  12. espletamento contatti con gli organi esterni l’amministrazione comunale per quanto concerne il coordinamento del P.R.G. con i dati che questi forniscono;
  13. sportello per il pubblico;
  14. proposte di regolamenti e norme e/o modifiche ad essi per disciplinare l’edificazione;
  15. progettazione e assegnazione aree PEEP;
  16. atti vari inerenti la gestione urbanistico-edilizia delle aree PEEP (trasformazione da diritto di superficie in diritto di proprietà, cessione di alloggi, ecc);
  17. Piano Urbano del Traffico;
  18. decoro degli edifici (piani di recupero, piani del colore, ordinanze per il decoro urbanistico-edilizio).

L'ATTIVITA’ DELL’UFFICIO S.I.T. SI ESPLICA NEI SEGUENTI CAMPI (l'elenco non è esaustivo):

  1. allineamento dei dati tra pratiche edilizie e planimetria catastale;
  2. inserimento degli edifici concessionati
  3. aggiornamento edificio resi agibili;
  4. aggiornamento della cartografia di base con frazionamenti di volta in volta presentati dai cittadini realizzato su base GIS e Autocad;
  5. inserimento cartografico delle reti tecnologiche;
  6. inserimento cartografico delle reti viarie;
  7. integrazione delle schede "A" degli immobili con altri dati di interesse generale provenienti anche da altri uffici;
  8. sportello per il pubblico;
  9. diffusione tramite Internet delle normative, cartografie inerenti la gestione territoriale nonché dei dati raccolti.

NOTIZIE GENERALI

Accesso agli atti Settore Edilizia Privata-Urbanistica e S.I.T

Il cittadino può richiedere, purché titolare di uno specifico interesse per la tutela di situazioni giuridicamente rilevanti (es. confinante, acquirente di immobile con contratto preliminare di compra-vendita, ecc.), di prendere visione o copie di atti e documenti relativi a pratiche edilizie. La richiesta di accesso va presentata all’Ufficio Protocollo del Comune negli orari di ricevimento (utilizzando preferibilmente i modelli in distribuzione presso l’ufficio edilizia privata). Allegare copia di un documento di identità valido. Per il ritiro di copie è previsto il rimborso del costo di riproduzione, il pagamento dei diritti di ricerca e visura e dell'imposta di bollo, se dovuta, secondo le modalità e le tariffe stabilite dal vigente Regolamento Comunale sul diritto di accesso.
Estratti P.R.G. /cartografie in genere e/o copie progetti
La richiesta di estratti va redatta in carta semplice e presentata direttamente all'Ufficio Urbanistica e allo Sportello Unico dell’Edilizia Privata negli orari di ricevimento oppure a mezzo posta o telefax. Va corrisposto il pagamento di un rimborso come stabilito dal Tariffario per i Servizi Vari resi dal Comune.


Piani Attuativi di Iniziativa Privata

I Piani Attuativi di Iniziativa Privata sono redatti e presentati dai privati aventi titolo. Suddetti Piani vengono approvati dal Consiglio Comunale entro 60 giorni dal ricevimento del Piano. Chiunque può presentare osservazioni ai Piani Attuativi di Iniziativa Pubblica. Solo i proprietari interessati possono presentare opposizione.
Le opposizioni e/o le osservazioni vanno presentate in carta semplice. Alla domanda va allegata una planimetria catastale con evidenziati i mappali interessati.
Le osservazioni o le opposizioni possono essere presentate entro i 30 giorni successivi dalla pubblicazione comunale all'Albo.
Le osservazioni e le opposizioni vengono discusse in Consiglio Comunale, la cui decisione in merito viene successivamente comunicata all'interessato(L.R. del 27 giugno 1985 n. 61). Quando il Piano è presentato solo da alcuni aventi titolo, purché rappresentino almeno i tre quarti del valore degli immobili, l'approvazione comporta la dichiarazione di pubblica utilità(Art. 60 L.R. 61/85).


Piani Attuativi di Iniziativa Pubblica

I Piani Attuativi di Iniziativa Pubblica (art. 52 L.R. 61/85) sono redatti dal Comune e attuati dai privati. Suddetti Piani vengono adottati dalla Giunta Comunale. Chiunque può presentare osservazioni ai Piani Attuativi di Iniziativa Pubblica.
Solo i proprietari interessati possono presentare opposizione.
La domanda va presentata in carta semplice. Alla domanda va allegata una planimetria catastale con evidenziati i mappali interessati.
Le osservazioni o le opposizioni possono essere presentate entro i 30 giorni successivi dalla pubblicazione comunale all'Albo.
Le osservazioni e le opposizioni vengono discusse in Consiglio Comunale, la cui decisione in merito viene successivamente comunicata all'interessato(L.R. del 27 giugno 1985 n. 61).


Piani di Edilizia Economica Popolare (P.E.E.P.)

L'Ufficio Urbanistica fornisce informazioni generali pertinenti alla realizzazione degli alloggi di Edilizia Economica Popolare.

Piano di Assetto del Territorio (P.A.T.)

La nuova Legge Urbanistica Regionale 23.04.2004 n. 11 “Norme per il governo del Territorio” ha introdotto sostanziali modifiche alla pianificazione urbanistica, articolando il Piano Regolatore in due diversi strumenti, il Piano di Assetto del Territorio (PAT) ed il Piano degli Interventi (PI). Il PAT è lo strumento urbanistico strutturale per l’individuazione delle scelte strategiche di assetto e sviluppo del territorio, mentre il PI disciplina le relative disposizioni operative;

Piano Regolatore Generale - Osservazioni a varianti adottate

Possono presentare osservazioni tutti i cittadini.
L’osservazione va presentata in carta semplice.
Alla osservazione va allegata la planimetria catastale della zona interessata con evidenziati i mappali interessati; eventuali planivolumetrici di studio
La richiesta viene esaminata dall'Amministrazione comunale in fase di controdeduzione alle osservazioni pervenute, con modalità da definirsi di volta in volta.
L'organo competente è il Consiglio Comunale.


Piano Regolatore Generale - Richiesta variante

Può presentare richiesta di variante ogni cittadino che ne abbia interesse. La domanda deve essere presentata in carta semplice con allegata planimetria catastale con evidenziati i mappali interessati dalla richiesta di variante.
La richiesta viene protocollata e quindi inviata all'ufficio Urbanistica per l'esame preliminare. In ogni caso viene comunicato all'utente che la richiesta verrà tenuta presente in sede di eventuale variante proposta dall'Amministrazione Comunale.


Pubblicazioni Urbanistica e Edilizia Privata

Il cittadino può consultare questo servizio per avere informazioni su: pubblicazioni, avvisi, bandi, ecc... in atto

Relazione paesaggistica ai sensi dell'art. 146 D.leg.42/2004 "Codice dei Beni culturali"

Dal 31 luglio 2006 è scattato l'obbligo di allegare alle istanze per l'autorizzazione paesaggistica in area vincolata una dettagliata relazione comprensiva di mappe foto e simulazioni digitali dell'intervento da eseguire.
E’ entrato, infatti, in vigore il Dpcm 12 dicembre 2005 che nel suo allegato spiega quali documenti trasmettere alla pubblica amministrazione per ottenere il nulla osta all’intervento.
L’autorizzazione preventiva è prevista dagli art. 146 e159 del Dlgs 42/2004 ed è obbligatoria per tutti i proprietari, possessori o detentori di immobili o aree assoggettate a vincolo paesaggistico.
Il comune di Abano Terme per semplificare e agevolare l’adempimento a tale obbligo di legge mette a disposizione le "analisi paesaggistiche ed ambientali" disponibili presso l’ente.


Strumenti Urbanistici Attuativi

L'Ufficio Urbanistica gestisce gli Strumenti Urbanistici Attuativi del Piano Regolatore Generale che sono:
1)
I piani di iniziativa pubblica comprendenti:
a) I Piani per l’Edilizia Economica Popolare (P.E.E.P.): si attuano sia in zone edificate che in zone non edificate attraverso interventi di nuova edificazione e/o recupero del patrimonio edilizio esistente;
b) I Piani di Recupero che possono essere di Iniziativa Pubblica (P.R.I.pu): sono lo strumento di intervento per il recupero del patrimonio edilizio esistente nelle zone dichiarate degradate;
c) I Piani Particolareggiati (P.P.): definiscono l'organizzazione urbanistica di un centro abitato o di zone territoriali omogenee;
d) I Piani per gli Insediamenti produttivi (P.I.P.): hanno come obiettivo la realizzazione e il completamento delle opere di urbanizzazione nonchè la salvaguardia dell'ambiente e la salubrità delle condizioni di lavoro;
2)
I piani di iniziativa privata comprendenti:
a) il Piano di Lottizzazione (P. di L.) per l'insediamento di nuovi complessi residenziali, produttivi, turistici e commerciali;b) il Piano di Recupero di iniziativa Privata (P.R.I.pr.) (vedi sopra P.R.I. pu.).
L'Ufficio Urbanistica cura la formazione, l'esame e la stipula delle relative convenzioni per i suddetti piani.